Riccardo Muti riceve le chiavi della città

Riccardo_Muti_Conservatorio_San_Pietro_MajellaIeri, nella Sala Scarlatti del Conservatorio San Pietro a Majella, il Maestro Riccardo Muti si è esibito con l’orchestra giovanile Luigi Cherubini. Quest’ultima è stata fondata dallo stesso Muti nel 2004, con lo scopo di far raggiungere agli strumentisti che ne fanno parte, un altissimo livello professionale per poter poi trovare, dopo il limite di tre anni di permanenza nella Cherubini, una collocazione nelle migliori orchestre del mondo. L’orchestra, sotto la guida di Muti, ha suonato la Sinfonia n. 4 in do minore “Tragica” D 417 di Franz Schubert.

Al termine dell’esibizione, ha preso la parola il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris che ha consegnato le chiavi della città al Maestro. Poi ha parlato quest’ultimo e ha voluto ricordare, come spesso fa, quanto siano importanti la cultura e la musica per un Paese: «L’Italia è il Paese della Musica ma non insegna la Musica. Dobbiamo smetterla di parlare di Cultura se poi non la facciamo più».

In chiusura di discorso, davanti a un De Magistris visibilmente emozionato, ha affermato: «Mia madre volle partorire me e i miei fratelli a Napoli perché se un giorno avessimo girato il mondo saremmo stati rispettati». Parole (e musica) d’amore per la città di Napoli, da parte di un’artista, che come più volte ha manifestato, si sente profondamente napoletano.

Articolo di Elpidio Ercolanese

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

twenty three − = twenty one