Regionali 2015: Per l’Antimafia gli impresentabili sono 17. Ci sono De Luca e la consorte di Mastella

"Rosy Bindi - Commissione parlamentare Antimafia" by Camera dei deputati is licensed under CC BY-ND 2.0

“Rosy Bindi – Commissione parlamentare Antimafia” by Camera dei deputati is licensed under CC BY-ND 2.0

Oggi la Commissione parlamentare Antimafia presieduta da Rosy Bindi, ha reso nota la lista di impresentabili che è formata da 17 nomi. Alle elezioni regionali, in Puglia gli impresentabili sono 4: Fabio Ladisa (Popolari per Emiliano), Massimiliano Oggiano (Oltre con Fitto), Enzo Palmisano (movimento Schittulli), Giovanni Copertino (Forza Italia). Ma la regione con il maggior numero di candidati impresentabili è la Campania, dove ce ne sono ben 13: Ambrosio (Forza Italia), Passariello (Fratelli d’Italia), Nappi (Caldoro Presidente), De Luca (Partito Democratico), Errico (Ncd-Campania popolare), Lonardo (Forza Italia), Plaitano (Popolari per l’Italia), Scalzone (Popolari per l’Italia), Viscardi (Popolari per l’Italia), Elefante (Centro democratico-Scelta civica), Iacolare (Udc), Grimaldi (Campania in rete) e Gambino (Fratelli d’Italia-An).

Matteo Renzi, minimizza: “Mai visto un dibattito così autoreferenziale e lontano dalla realtà come quello sugli impresentabili”, scrive il premier nella sua Enews. “Perché – afferma – sono pronto a scommettere che come tutti sanno ma nessuno ha il coraggio di dire nessuno di loro verrà eletto”. Dichiarazioni quelle di Renzi che non tengono conto dei precedenti, quando alle ultime elezioni regionali un candidato consigliere condannato per camorra, opportunamente segnalato dalla stampa, prese comunque quasi 10 mila voti.

La Commissione Antimafia, sconfessa anche quanto dichiarato da Silvio Berlusconi: “Gli impresentabili? Stavolta è un problema della sinistra”. Non pare proprio così a leggere i nomi in lista. Una lista che, come ricordato dalla stessa Bindi, è in un certo senso “prudenziale” perchè fa riferimento solo a quei soggetti, che si sarebbero resi responsabili di certi reati: quelli indicati nello speciale Codice di autoregolamentazione approvato all’unanimità da tutti i partiti in commissione Antimafia.

Oggi è l’ultimo giorno utile ai leader per gli appelli elettorali in vista del voto di domenica. Domani sarà silenzio pre-elettorale. Difficile prevedere gli effetti del caso impresentabili sugli elettori. Certamente, questa brutta storia terrà molti lontano dalle urne e dalla politica.

AGGIORNAMENTO: Inizialmente i nomi diramati erano 17: il nominativo di Biagio Iacolare – candidato Udc, Napoli – presente nella sezione degli ‘impresentabili’ relativa ai “casi di prescrizione per reati rientranti nel codice di autoregolamentazione con giudizio ancora pendente” è stato cancellato. Lo ha fatto sapere in una nota la stessa commissione Antimafia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

seventy three − sixty seven =