Libertà di insulto per i mangiabanane

Cori razzisti antinapoletani

Eccoci, ci siamo. Finalmente è iniziato il campionato e gli pseudotifosi non hanno certo perso tempo.
Durante l’inizio della partita Chievo Verona-Juventus, i soliti cori incivili e razzisti nei confronti dei napoletani.
Per Carlo Tavecchio del resto non c’è problema, non si può punire chi canta questi cori con la chiusura delle curve.
“Un provvedimento esagerato e non in sintonia con i regolamenti europei”, ha dichiarato lui stesso qualche giorno fa, a margine della prima riunione stagionale dell’AIA.
E infatti il primo atto che ha preso da Presidente della FIGC è stato proprio abolire la norma sulla discriminazione territoriale.
Peccato che in questo modo, adesso gli pseudotifosi (solo così li posso chiamare), si sentiranno ancora più impuniti e liberi di cantare qualunque cosa, poco importa se si tratti di razzismo o discriminazione…
D’altronde cosa ci si può aspettare da una persona come il 71enne Carlo Tavecchio. Uno che da candidato alla presidenza FIGC ha dichiarato “OptiPoba è venuto quà che prima mangiava le banane e ora gioca titolare nella Lazio”.
Quella frase ha scatenato un finimondo anche se OptiPoba non esiste. Del resto non c’è bisogno di applicarsi per capire la gravità e il contenuto discriminatorio di quanto detto da Tavecchio in quell’occasione. E a poco valgono le scuse di ques’ultimo…

Intanto sono venuto a sapere che c’è anche un’azienda, il biscottificio Cristino, che combatte il razzismo in modo simpatico e divertente con una campagna pubblicitaria online dal titolo #nonsiamofritti avente come protagonista proprio il famoso OptiPoba tavecchiano.

opti-poba

 

 

 

 

 

 

opti-poba2

 

 

 

 

 

 

I miei complimenti. Probabilmente il modo migliore di rispondere al razzismo è proprio questo: l’ironia.
E sono felice che questa iniziativa intelligente sia venuta ad un’azienda, come il Biscottificio Cristino che ha sede in Campania, a Montecalvo Irpino (provincia di Avellino).

Bravi!

ps. Carlo Tavecchio ma vuoi vedere che i veri “mangiabanane” sono quelli che cantano cori razzisti contro i napoletani?
Ecco il video a difesa dei napoletani montato dal giornalista Angelo Forgione qualche anno fa. Vale la pena di rivederlo perchè ancora estremamente attuale.

 

Articolo di Elpidio Ercolanese

 

 

No Responses to “Libertà di insulto per i mangiabanane”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

32 − twenty four =