La scuola Gigante-Neghelli di Fuorigrotta diventa autonoma dal punto di vista energetico grazie al fotovoltaico

L’istituto è stato dotato di 152 pannelli solari, capaci di garantire una produzione annua pari a 52.000kwh. L’impianto, denominato “Officina del Sole”, è stato finanziato con i fondi europei e inaugurato dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris

fotovoltaico istituto Gigante NeghelliNapoli, 23 febbraio – In Italia si contano alcune centinaia di scuole dotate di impianti fotovoltaici. La prima del capoluogo partenopeo è l’istituto Gigante-Neghelli di Fuorigrotta, che grazie all’installazione di 152 pannelli fotovoltaici diventa completamente autonomo dal punto di vista energetico. L’impianto, denominato “Officina del Sole”, è stato finanziato con fondi europei e inaugurato nella giornata di lunedì dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris. I soldi erogati hanno anche permesso di ripristinare la palestra e il secondo piano dell’edificio, inagibile per infiltrazioni d’acqua.

“L’impianto – ha dichiarato Antonio Volpe, progettista dell’impianto – è costituito da 152 pannelli fotovoltaici e sviluppa 52.000Kwh all’anno, quindi soddisfa tranquillamente le esigenze dell’istituto scolastico. Questo terrazzo prima era impraticabile, in quanto c’erano infiltrazioni d’acqua dappertutto e il manto era sconnesso. Ora c’è l’impianto fotovoltaico per il risparmio energetico e la coibentazione”.

Il progetto nasce dall’attenzione dei ragazzi verso le tematiche ambientali ed ha preso forma durante un laboratorio sulla produzione di energie alternative.“Non vuole essere solo la prima azione di risparmio energetico e di sostenibilità ambientale – ha dichiarato Mariarosaria Scalella, preside dell’I.C. Gigante-Neghelli –, ma anche una risposta ai nostri alunni, che durante un’attività laboratoriale ci chiesero di attivarci per l’installazione di un impianto fotovoltaico, in modo da risparmiare energia”.

“Questa idea – ha dichiarato il sindaco de Magistris – nasce dalla progettualità della scuola. Poi si è trovata una sensibilità forte nella dirigente scolastica, nei professori, negli operatori e nel Comune di Napoli, che ha dato il suo sostegno. Come sempre è un lavoro di squadra e tanto sta facendo la nostra città per la scuola pubblica, in controtendenza anche rispetto al Paese”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

65 − = fifty eight