Comune di Napoli ricorso vinto. Corte dei Conti ok

Corte dei conti ok al piano di riequilibrio finanziario ed economico del Comune di Napoli.Nella giornata di ieri 09/07/2014 le Sezioni riunite della Corte dei Conti hanno accolto il ricorso presentato dal Comune di Napoli rispetto al diniego al piano di riequilibrio economico e finanziario espresso dalla Corte dei Conti della Campania. Molti di voi ricorderanno della bocciatura del piano di rientro finanziario che addirittura aveva fatto paventare, mesi fa, il rischio di un commissariamento del Comune che non avrebbe avuto più Luigi De Magistris come Sindaco, regolarmente eletto e in carica dal 1º giugno 2011.
Proprio De Magistris ieri ha parlato di risultato positivo per la città, commentando così la notizia:

“Dopo un durissimo lavoro, avendo ereditato un disastro finanziario che stava conducendo la città al dissesto, abbiamo condotto il Comune sulla strada del risanamento, dimostrando correttezza, competenza, coraggio, credibilità…Siamo lieti che la Corte dei Conti abbia compreso il nostro sforzo immane ed abbia apprezzato anche la nostra gestione. Ringrazio di cuore tutti coloro che hanno lavorato a questo obiettivo, oggi finalmente raggiunto. Si è trattato, infatti, di un grandissimo lavoro di squadra, il quale ha prodotto un’esperienza che sarà considerata come un laboratorio positivo per tutti gli enti locali”.

Una piccola notizia positiva per una città che proprio in questi giorni piange la morte del piccolo Salvatore Giordano, dovuta al crollo di un calcinaccio della Galleria Umberto I.
De Magistris ha proclamato lutto cittadino (come fatto dal Comune di Marano, paese natio del giovane) e dato disposizione di abbassare le bandiere a mezz’asta dalla facciata di Palazzo San Giacomo, dichiarando: “L’amministrazione comunale tutta e tutta la città di Napoli si stringono alla famiglia di Salvatore in questo momento drammatico. Non esistono parole per una morte inaccettabile”.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

+ sixteen = 20