A Quarto il M5S vince ricorso al Consiglio di Stato. Alle comunali 2015 escluse sette liste (Csx, NCD, Fdl-AN)

Il Consirsz_quarto-movimento_cinque_stelle-vince-ricorso-consiglio_di_statoglio di Stato ha accolto il ricorso presentato dal Movimento Cinque Stelle contro la sentenza del TAR, che aveva riammesso alla competizione elettorale per l’elezione del sindaco e rinnovo della Giunta comunale a Quarto (provincia di Napoli) sette liste, fermate in un primo momento dalla Commissione elettorale. Viene escluso quindi l’intero centrosinistra che sosteneva la candidatura a sindaco di Francesco Dinacci (Partito Democratico, Sel-Valori e Diritti, Udc, Quartopuntozero e Centro Democratico), Fratelli d’Italia che appoggiava la candidatura di Giuseppe Martusciello e Ncd a sostegno di Mario Bramante.

Il M5S per le elezioni del 31 maggio 2015, ha come candidato sindaco di Quarto l’avvocato Rosa Capuozzo. Ecco il comunicato stampa del Movimento Cinque Stelle sulla decisione del Consiglio di Stato:

“Accogliamo con rispetto la decisione del Consiglio di Stato. Lo avremmo fatto in ogni caso perché crediamo nella giustizia e nel rispetto delle regole. Abbiamo sempre avuto atteggiamento positivo e propositivo sia in campagna elettorale che nei mesi precedenti. La nostra mission è una sola: quella di avere una Quarto vivibile, pulita, efficiente. Per farlo  abbiamo sempre pensato che la via più giusta fosse quella di avere atteggiamento corretto,  trasparente e rispettoso della legge, delle procedure e dei regolamenti. Lo pensavamo prima e ne siamo ancora più convinti oggi dopo la sentenza del Consiglio che dà più valore al nostro lavoro e ai nostri sforzi. La nostra campagna elettorale non si ferma. Continueremo a scendere in strada a contatto con negozianti e  cittadini, ad ascoltare le loro problematiche e a far tesoro del loro sostegno. Da cittadini viviamo dell’ appoggio dei cittadini nel solo interesse della nostra comunità. Il cambiamento vero passa anche attraverso la partecipazione e la condivisione che abbiamo sempre chiesto e continueremo a chiedere”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + three =